Molinari e Migliozzi vincono il titolo ad Abu DhabiGolfando, il blog del golf

Continua el sogno azzurro negli Emirati Arabi: dopo tre giri Francesco Molinari è sempre in vetta all’Abu Dhabi HSBC Championship. E a soli due colpi di distanza c’è Guido Migliozzi. Nel primo tempo valido per la Rolex Series nel Torinese, con un totale di 203 (67 67 69, -13) colpi, nel “moving day” condivide la vetta della classifica con l’irlandese Shane Lowry (67 70 66) e l’australiano min woo lee (68 69 66).

Il vicentino è settimo con 205 colpi (65 69 71, -11). Chiude il tris azzurro edoardo molinari16° con 207 colpi (67 72 68, -9).

Sul percorso degli Yas Links (par 72), Chicco Molinari non è stato contento di ripetere la prestazione offerta nel primo e nel secondo round, con un giro in 69 (-3) con quattro birdie (con uno decisivo sulla buca 18 ) e un solo spauracchio, è rimasto en alto. Il 40esimo Torinese non ha vinto una partita individuale nel marzo 2019 quando ha iniziato il PGA Tour nelArnold Palmer su invito.

Il terzetto di testa deve guardarsi le spalle dallo scozzese concedere forrestdallo svedese Sebastian Soderberg e dal francese Vittorio Perez, Tutti i quarti con 204. Poi, ecco Migliozzi: il 25esimo veneto, al terzo turno con un 71 (-1), ha siglato quattro birdie con tre spauracchi ma è nato in Corsa per il titolo.

LA PAROLA DI MOLINARI – “E’ stato un round non perfetto, ho lasciato un paio di colpi sulle prime nove buche, soprattutto sui green. Intendiamoci, nella seconda parte del mare, quando si alza il vento, la possibilità di fare birdie è minore. Ho comunicato lottato e per questo sono disfatto. È certamente positivo che arriverò all’ultimo turno con qualche possibilità di vincere il torneo e ora dimostro di giocarmi la mia lettera. Dopo la bellissima esperienza in Hero Cup sarà fantastica, tornerò per festeggiare un successo importantissimo nel DP World Tour”.

Ad Abu Dhabi manca poco al gran finale. In palio un montepremi complessivo di nove milioni di dollari (con un bonus in denaro di 1.530.000) e punti importanti per la qualificazione alla Ryder Cup di Roma.



Add Comment