Questione Safety Car, la provocazione di Leclerc: “Dobbiamo mettere una Ferrari” – F1 Piloti – Formula 1

Il Gran Premio d’Australia, oltre agli ormai cronici problemi di affidabilità della Red Bull, lasciato in eredità non poche polemiche sull’utilizzo della safety car. In particolare Max Verstappen, costretto al ritiro, ha un punto contro la velocità della vecchia sicurezza stradale usata nel traffico di Melbourne – un’Aston Martin – e sicuramente un “tartaruga“. La parole del campione del mondo a Carica non è stata ovviamente un genio della FIA che si è aggiunta a una pubblicazione dichiarazione ufficiale scandire la missione principale della Safety Car se è quella di garantire l’incolumità dei bambini che stanno lavorando in pista per rimuovere i detriti.

A margine di questa Discussione, con una battuta provocatoria, si è offerto volontario per inserire anche il leader del Mondiale, il ferrarista Charles Leclerc, che della domanda aveva parlato nella conferenza stampa post-gara di Melbourne. Ad una ordina il suo questo argomento giorgio russell, seduto al fianco del Monegasco, aveva messo in evidenza come la Safety Car Mercedes fosse circa cinque secondi più veloce di quella Aston Martin. A che punto si è inserito Leclerc, quel bravo ‘aziendalista’ ha suggerito l’utilizzo di una vettura di Maranello per tenere alto il ritmo all’interno del gruppo.

Dobbiamo mettere una Ferrari allora – il commento di #16della Scuderia – è altri cinque secondi più veloce della Mercedes”. “Vediamo, vediamo”, la risposta abbozzata da Russell. Leclerc dopo la gara dell’Albert Park è stato anche uno dei pochi piloti a differenziarsi Bernd Mayländer, il pilota al volante della SC, dicendo che non se ne è pentito tramite la propria radio, ma se era vero che il tedesco stava già spingendo al másimo la sua Vantage.

PRENOTAZIONE RIPRODUZIONE

Add Comment