Trieste travolge l’Openjobmetis a Masnago: Varese torna a tremare


L’Openjobmetis spreca male anche il terzo “match point” stagista sulla strada per la salvezza ea questo punto ritorna ad avere paura. Dopo i KO con Pesaro e Treviso, i biancorossi perdonano male anno con Trieste (76-92)riposo impantanati a quota 22 e ora affronterò un calendario che da agevole è diventato tenebroso.

Galleria fotografica

Openjobmetis Varese – Allianz Trieste 76-92 4 di 27

Benzina finita, nel serbatoio di Varese: questo è il dato più lampante, e il resto è stato complicato riuscire a fare il pieno nel giro di tre soli giorni. Rispetto alla partita con i Nutribullet, la squadra di Roijakkers tira qualche meno di tre (ma sempre troppo) e continua a non essere assistita dalle percentuali, appena 9/37 da 3, con giocatori come il Woldetensae in contropiede (1/7). Per contro, proprio dall’arco l’Allianz costruisce un bel pezzo del proprio successo, il 42% da Banche e società Abili a sempre calda la mano per respingere sul nascere i timidi tentativi di riavvicinamento nella seconda metà di gara.

Già, perché io primi 20′, pur difficoltosi, wereo filati via in pareggio: dopo un brutto avvio Varese aveva anche ottenuto il vantaggio alla sirena prima e, a ridosso dell’intervallo, aveva sprecato la bomba del pareggio prima di finire a -5. Poi ma il buio: tanto ha fatto la OJM a camminare per dispersione al solito Keene (comunque più che segno straordinario) e a Librizzi (13, 100% al tiro). Mancata la produzione in attacco, anche la lucidità mentale è andata via spegnendosi. Frode Venezia e Denik ai minimi terminiSorokas evidentemente stanco e Beane poco incisivo, per Varese non c’è stato niente da fare, tranne pareggiare (minuscola consolazione) la differenza canestri rispetto al successore dell’andata.

Roijakkers, tra l’altro, ha combatteva duramente con i re, entrato in quintetto e subito tolto dal parquet. Una “operazione” per il girone di ritorno in campo del bostoniano, che evidentemente ha Trasferisco il fiduciario dell’allenatore, inflessibile nell’infilarlo nella panchina. Qualcosa di simile è avvenuto anche con virginio (schiacciata e fall concessi a Konate alla prima azione: ritorno in panca e mai più usato) con modalità abbastanza burbere che stridono con la lettura fatta dal coach dopo gara. volante olandese, abbastanza, ricorda quanto fatto in tre mesi e sottolinea come la squadra non deve avere paura, tornando subito a Penserò al prossimo impegno. Il problema è che questo riceverà tra soli tre giorni (sabato) è un campo difficile come quello del Derthona a Casale Monferrato. Lontano da Masnago sono arrivate già cinque imprese: ne serve una sesta per mettersi tranquilli.

Librizzi non sbaglia un colpo, ma intorno a lui abbondano le insufficienze

PALLA A DUE

L’orario delle 19,30 non è dei migliori per avere un palazzetto pieno a Masnago anche se a partita inizia gli spalti vanno riempiendosi. Applausi dal pubblico di Banche e Cavalieroex ancora amati: l’americano è in quintetto con Mian mentre in panchina c’è un altro biancorosso del recente passato, Jason Clark. Roijakkers rimette Librizzi in quintetto base accanto a Beane, ma deve tenere fuori inizialmente Venendo per un problema: Kings parte che dopo 1’30” sarà già in panchina. Tra gli ospiti il ​​​​​​pivote e Konate, con Delia per riferirsi a ma non disponibile per una leggera disgrazia.

LA FESTA

Q1 – Inizio freddo per Varese, con Roijakkers che inserire subito Keene e Vene dopo il 2-9 iniziale (canestro di Librizzi). The OJM throws piuttosto male da fuori, ma a tripla de De Nicolao e le folate de Keene tollera ai biancorossi de recuperare (not a paio di errori de Sorokas, meglio avanti de uno) e di chiudere, 19-18.
Q2 – Per mezzo periodo se del caso appaiati: Varese perde un paio d’occasione per allungare ma con Keene è ancora avanti al 25′ (28-27), pori però le fatiche offensive si fanno ser e Trieste ringrazia con un break di Konate e Banks sempre presente. Librizzi e Wolde hanno risposto all’ultimo discorso del tiro di pareggio, piedi per terra e un contestato de Vene dà Trieste a causa di liberi convertito da Grazulis per il 39-44.
Q3 – Al rientro però, Trieste gira improvvisamente a velocità doppia: Konate regala un primo strappo, Sorokas fallisce la schiacciata di rabbia e subito dopo Grazulis colpisce da 3, frontalmente. In poche zioni il panorama cambia di tutto: l’Allianz met a prateria fra sé e gli inseguitori. In poche mosse sono 14 i punti di distaco, poi Wolde trova l’unico canestro pesante della nottata ma il divario rimane eloquente, 54-67.

Roijakkers: «Ora gli avversari ci rispettano. E difendono sempre più duro»

FINE

A Varese servirà subito ricucire lo strappo: c’è, in effetti, a Librizzi tripla con il numero 13 che replica a paio di minuti dopo, ma nel frattempo sono andati a segno sia Cavaliero sia Clark, ex senza cuore. Dopo il 15 se inizio a pensare alla differenza, poi dopo un certo punto Roijakkers perde il trebisonda e incontra per un attimo Zhao. A causa della liberazione di Keene, era -16 quello che sarà il finale, ma Banks almeno sull’ultima azione grazia i colori biancorossi, prima di prendersi un affettuoso applauso. Applausi che Masnago replica, convince, anche per i giocatori di Varese dimostrando grande maturità. Mi dispiace, nel frattempo, battere (diciamo 1) la Fortitudo e acconsentire a respirare un po’ in tarda serata. Ma per la salvezza serve un colpo.

OPENJOBMETIS VARESE – ALLIANZ TRIESTE 76-92
(19-18, 39-44, 54-67)

VARESSO: De Nicolao 5 (1-3, 1-2), Librizzi 13 (2-2, 3-3), Beane 7 (1-4, 1-7), Reyes, Sorokas 10 (2-7, 0-2) ; Woldetensae 5 (1-3, 1-7), Vene 4 (2-3, 0-4), Virginio, Ferrero 2 (0-2 da 3), Caruso 8 (4-4), Keene 22 (3-6 , 3-10), Zhao. Tutti. Roijakker.
SETE: Davis 9 (0-1, 3-4), Banks 19 (4-11, 3-7), Mian 10 (1-3, 2-4), Grazulis 12 (2-4, 2-4), Konate 17 (8-9, 0-1); Clark 12 (3-6, 1-3), Cavaliero 2 (1-1, 0-3), Campogrande 5 (1-1), Leva 6 (3-4). Ne: Deangeli, Delia, Fantoma. Tutti. Ciani.
ARBITRATO: Rossi, Quarto, Gonella.
NOTA. Giorno 2: V 16-32, V 23-40. Giorno 3: V 9-37, V 11-26. Tl: F 17-20, T 13-13. Rimbalzi: V 37 (14 ss., Sorokas 9), T 38 (8 ss., Konate 10). Assist: V 15 (Keene 8), T 16 (Bank 6). Perse: V 10 (Woldetensae, Sorokas, Keene 2), T 13 (Banks, Konate 3). Recupera: V 4 (Librizzi 2), T 6 (Banche 2). Usc. 5 colpe: Davis, Grazulis.


Add Comment