Il ritorno della Ferrari fa sognare, l’Italia se emozionata dalla sua Nazionale rossa

Due pole e una vittoria in tre stagioni, una macchina nata brava e coraggiosa, la classe di Leclerc e una squadra unita che è arrivata in ritardo nel paddock a limare e dettagliare la differenza: è un ottimo cocktail di tecnica e dieta della persona al grande inizio della Stadio del Cavallino

La Nazionale di Roberto Mancini non è fatta, oltre a questo turno è Mondiale di Calcio. Ma forse per gli italiani non tutto è perduto, c’è una Nazionale rossa che esta Taking prepotenza, che nel suo Mondiale gioca bene e può avere voce nel capitolo fino alla fine. E’ una Ferrari da sogno quella che stiamo vedendo in questo inizio di stagione, una Ferrari che in tre GP ha dato messo via la dovuta pole position e una vittoria, con la possibilità di giocarsi domani a Melbourne la terza gara del calendario, un GP a Cui non partiva in pole dal 2007, anno anche dell’ultimo Mondiale piloti firmato da Maranello con Kimi Raikkonen. Gli scongiuri sono autorizzati, il campionato è lunghissimo, Red Bull e Max Verstappen a causa di avversari molto molto forti e guai a osare per spacciati alche quelli della Mercedes, gente che se è difficile e che sa sistemare una macchina che presto definire sbagliata.

Add Comment